LAVORO » Lavoro » Rubrica del lavoro

Pensioni 2020: aumenti minimi per la rivalutazione

29 Novembre 2019 in Rassegna Stampa
Fonte: Gazzetta Ufficiale

Gli assegni di pensione  saranno ritoccati dal 1 gennaio 2020 con aumenti davvero minimi visto  che la stagnazione economica ha fermato l'aumento del costo della vita nel 2019 allo 0,4% .  Il valore è stato ufficializzato dal decreto interministeriale Economia-Lavoro pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale. Si tratta di un valore di stima che sarà poi conguagliato in caso di variazioni   dal prossimo decreto a novembre 2020.

Quindi dal prossimo mese si avranno le seguenti variazioni  delle pensioni in positivo :

  •  assegni di importo fino a 3  volte il minimo (pari a circa  1.539 euro mensili lordi) : + 0,40%
  • assegni tra quattro e cinque volte:  + 0,31%, (cioè il 77% di 0,4, come previsto dalla precedente legge di bilancio )

C'è da specificare chel'attuale legge di bilancio in preparazione prevede di applicare anche alle pensioni di importo fra 3e 4 volte il minimo l'intero valore di rivalutazione . Bisognerà attendere l'approvazione della finanziaria a fine anno per avere la conferma . Si tratta comunque di importi quasi risibili perche si passerebbe dal valore di 0,39 a 0,40%.

In generale , per tutte le classi di importo, gli aumenti saranno comunque al di sotto dei  10 euro lordi mensili .

Il decreto provvede anche alla conferma del tasso di  rivalutazione  elaborato a novembre 2018, che resta all'’1,1%   . Quindi a gennaio  non ci sarà alcun conguaglio relativamente agli importi delle pensioni erogate nel 2019.

Allegati:

Studio D'Orazio Commercialista - Rag. Nicola D'Orazio - Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 00789900297